Roma: Collezioni digitali aperte: iniziative italiane ed europee

Roma, Biblioteca Nazionale Centrale

20 giugno 2017 - Conferenza internazionale

L’apertura dei contenuti offre nuove prospettive per l’istruzione, la ricerca e il turismo. Il settore del patrimonio culturale è in prima fila. In una conferenza a Roma il punto sulle esperienze in Italia e in Europa.

Si è svolto il 20 giugno 2017 a Roma, presso la Biblioteca Nazionale Centrale (Sala Conferenze al piano terra), la conferenza internazionale “Collezioni digitali aperte: iniziative italiane ed europee”, organizzata dall’ICCU, Istituto Centrale per il Catalogo Unico, con la collaborazione di Europeana, la biblioteca digitale europea, con l’obiettivo di promuovere l’apertura delle raccolte digitali di biblioteche, musei e archivi, analizzandone i vantaggi e le barriere che ne ostacolano la realizzazione.

Il tema è l’evoluzione verso piattaforme che offrano la possibilità di consultare, condividere, utilizzare e riutilizzare i contenuti, per finalità creative ed educative, così come per l’offerta di nuovi servizi o prodotti, mediante licenze che consentano il libero riuso, nel rispetto del diritto d’autore e di altri titolari di diritti.

L’ICCU è impegnato da anni al fianco di Europeana e di altre importanti iniziative nel campo delle infrastrutture per la ricerca nel settore dei beni culturali, nello sviluppo delle politiche e delle pratiche a sostegno del patrimonio culturale digitale aperto. Negli ultimi tempi, grazie alla maggiore consapevolezza sui vantaggi derivanti dalla condivisione e dal riuso dei dati, il settore del patrimonio culturale digitale ha assunto un ruolo cruciale per lo sviluppo di iniziative innovative nel campo dell’istruzione, della ricerca e del turismo. La sfida è offrire agli utenti sia una qualità elevata dei dati che un accesso diretto all’oggetto digitale, rendendo possibile la visione di un video, l'ascolto di un brano, la lettura di un libro o la visualizzazione di un dipinto.

Nel corso della conferenza sono state presentate alcune tra le più importanti iniziative portate avanti da prestigiosi istituti europei e italiani.

A seguire, nel pomeriggio, si è svolto un workshop tecnico indirizzato a musei, biblioteche e archivi pubblici e privati che vogliono sperimentare l'apertura delle proprie collezioni digitali. Durante l’incontro, riservato a 20 partecipanti, sono stati analizzati i vantaggi e le problematiche più comuni riguardanti l'apertura dei dati e dei contenuti digitali.

INGRESSO GRATUITO

PROGRAMMA E PRESENTAZIONI

9.00-9.30
Registrazione e caffè di benvenuto

APERTURA DEI LAVORI

9.30-9.40
Saluto introduttivo
Andrea DE PASQUALE, Direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma - MiBACT

9.40-10.00
La politica del MiBACT per l’apertura dei contenuti e dei dati
Antonia P. RECCHIA, Segretario Generale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT)

10.00-10.20
Rossana RUMMO, Direttore Generale biblioteche e istituti culturali - MiBACT

SESSIONE "APERTURA DELLE COLLEZIONI DIGITALI: STRATEGIE E BUONE PRATICHE"

Chair: Roberto DELLE DONNE, professore Università degli Studi di Napoli Federico II

10.30-10.50
Europeana Publishing Framework (speech in English)
Pablo Uceda GÓMEZ, Europeana Officer [PPT, 1802 kb]

10.50-11.10
L’ICCU per il patrimonio culturale digitale aperto
Simonetta BUTTO', Direttore dell’Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche (ICCU) - MiBACT [PPT, 2436 kb]

11.10-11.40 Pausa caffè

11.40-12.00 
CulturaItalia OnTheGo: biblioteche digitali e applicazioni al turismo culturale
Franco NICCOLUCCI, Responsabile scientifico di PIN Scrl - Polo Universitario "Città di Prato" [PPT, 2151 kb] 

12.00-12.20
Gli archivi della moda
Marco RENDINA, Europeana Fashion [PPT, 4024 kb]

12.20-12.40 
I dati aperti nel settore culturale privato: il caso dell’Archivio Storico Ricordi
Pierluigi LEDDA, Managing Director (o Direttore Generale) Archivio Storico Ricordi

12.40-13.00
La Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze: quando la cultura è aperta e accessibile
Giovanni BERGAMIN, Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze - MiBACT [PPT, 469 kb]

13.00-13.30
Conclusioni

POMERIGGIO - Workshop tecnico

Workshop tecnico riservato per analizzare alcuni aspetti legati alla scelta delle licenze per la pubblicazione di dati e contenuti e al processo operativo di aggregazione dei dati per Europeana.

Il supporto di CulturaItalia ed Europeana per favorire l’apertura delle collezioni digitali
Antonio Davide MADONNA, CulturaItalia [PPT, 1688 kb]

I benefici dell'Open Access
Marzia PICCININNO, ICCU (PPT, 12.074 kb]

The Europeana Licensing Framework
Pablo Uceda GÓMEZ, Europeana Officer [PPT, 3408 kb]